Home » Strumenti musicali » Come scegliere un pianoforte

Come scegliere un pianoforte

Contenuto dell'articolo

Pensando al pianoforte ci stiamo riferendo a uno degli strumenti musicali che tutti vorrebbero imparare ad utilizzare, per l’atmosfera che può creare e per la piacevolezza del suo suono. Se hai deciso di acquistarne uno, avrai bisogno di alcune informazioni fondamentali per orientarti nella scelta, soprattutto se non hai nessuno che può venire con te a valutare gli strumenti esposti. Vediamo quindi come scegliere il pianoforte migliore per le tue necessità ed esigenze. Ogni strumento infatti si differenzia dall’altro per marca, prezzo, modello, suono e timbro

La scelta del pianoforte secondo il volume e il timbro

Il suono è la caratteristica che più delle altre caratterizza il pianoforte ed è ovviamente importante da valutare ai fini di una scelta: il volume indica l’intensità del suono in funzione della lunghezza delle corde e del materiale con cui sono rivestiti i martelletti mentre il timbro rappresenta la cosiddetta personalità dello strumento. L’equilibrio tra questi due fattori viene trovato dai migliori costruttori di pianoforti ma prima di effettuare una scelta è assolutamente necessario provare qualche accordo in maniera da accorgersi del tipo di suono.

Come abbiamo accennato sarebbe molto importante avere con sé qualcuno che può fornire un parere esperto, qualora voi siate agli inizi di questa meravigliosa esperienza con la musica.

Le varie tipologie di pianoforte

Ogni pianoforte ha delle caratteristiche ben precise che corrispondono anche a prezzi molto diversi tra loro a seconda che si tratti di modelli destinati a bambini, principianti, professionisti, a sale da concerti… Alcune domande possono aiutarti a individuare i modelli più indicati, ad esempio: che tipo di spazio hai a disposizione? Il pianoforte va integrato all’arredamento? Qual è il budget? Quali sono i marchi di riferimento entro cui restringere la scelta?

Il pianoforte a coda

A differenza di altri strumenti, difficilmente cambierete molti pianoforti nella vostra vita e quindi considerando anche il tipo di investimento è bene scegliere in maniera oculata! La prima domanda è chiedersi proprio il motivo per cui lo volete acquistare perché ad esempio se qualcuno in casa deve iscriversi al conservatorio o comunque studiare in maniera professionale pianoforte, il classico a coda può essere il consiglio principale. Più grande sarà la cassa armonica è maggiore sarà anche la lunghezza delle corde che andranno a migliorare la qualità dei suoni emessi.

Il pianoforte verticale: come sceglierlo

Se il pianoforte rappresenta un semplice hobby è possibile optare per un pianoforte verticale detto anche pianoforte a muro perché la cassa armonica viene ad estendersi sulla dimensione verticale. La sonorità è inferiore rispetto al modello di pianoforte a coda per via delle dimensioni ridotte della cassa armonica. Di solito hanno un pedale al centro che prende il nome di sordina e che serve per inserire una sorta di silenziatore tra il martelletto e le corde per ridurre le vibrazioni e non infastidire eventuali vicini di casa o altri abitanti che condividano la parete 🙂

Il pianoforte elettrico: per chi è indicato

Per quanto riguarda il pianoforte elettrico, i suoni vengono riprodotti in maniera analogica e trasformati in impulsi elettrici: si tratta della scelta più indicata per chi preferisce cimentarsi nella musica moderna rispetto ai pezzi più classici. Il pianoforte digitale non richiede accordature e manutenzione: il suono dipende dai campionamenti che sono stati memorizzati e più grande sarà la memoria e maggiori saranno anche le possibilità sonore.

Leggi anche

Come scegliere la chitarra: classica o acustica?

Contenuto dell'articolo 1 Come scegliere la chitarra: le corde2 Come scegliere la chitarra: lo stile …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *